Cos’è la Tecarterapia al ginocchio

By 23 Dicembre 2019Articoli, news
Tecar al ginocchio

La Tecarterapia al ginocchio è sicuramente una delle tecniche più diffuse per curare problemi legati a questa articolazione. Abbiamo già discusso in un precedente articolo come funziona la Tecar e come agisce sul corpo, ma nel caso delle ginocchia ci sono altre informazioni da considerare.

Questa terapia viene utilizzata principalmente in ambito fisioteraperico e si applica attraverso un dispositivo che sfrutta il principio fisico del condensatore. Lo strumento “massaggia” la zona soggetta a trattamento ed è in grado di riparare tessuti e abbreviare i tempi di guarigione generando calore sottocutaneo.

Dal momento che il ginocchio è l’articolazione più grande all’interno del corpo umano, è soggetta a sorreggere naturalmente gran parte del nostro peso. Per questo motivo i problemi che possono insorgere al ginocchio sono molteplici, come: artrosi al ginocchio, lesioni al legamento crociato, tendinite femoro-rotulea e altre ancora.  Hanno delle conseguenze piuttosto invadenti e limitanti e in questi casi la Tecarterapia al ginocchio viene frequentemente prescritta. Vedremo nel dettaglio quando è più utile sottoporsi a questo trattamento.

La Tecar lavora attraverso due modalità:

  • Resistiva: nel caso di disturbi ossei e articolari
  • Capacitativa: per i tessuti molli

A cosa serve

Gli effetti biofisici di una Tecarterapia al ginocchio sono legati a tre aspetti principali: aumento del microcircolo, vasodilatazione e incremento della temperatura interna.

  • L’aumento del microcircolo comporta una migliore circolazione del sangue all’interno dei vasi ematici di piccole dimensioni. Questi hanno il compito di portare ossigeno, sostanze nutritizie, ormoni e cellule immunitarie ai tessuti favorendone la rigenerazione.
  • La vasodilatazione interessa invece i vasi sanguigni favorisce l’afflusso di sangue agli organi e ai tessuti che ne hanno più bisogno.
  • L’incremento della temperatura interna permette l’aumento del microcircolo e la vasodilatazione.

Grazi a questi principi biostimolanti, la tecar viene prescritta con grande frequenza da numerosi specialisti, spesso in concomitanza con altre terapie per ottenere risultati ottimali.

Grazie alla strumentazione non invasiva e al principio del condensatore, è facile per il medico curante trattare con precisione l’area interessata senza dover eseguire operazioni più complesse. Proprio per questo in caso di infortuni al ginocchio, la tecar brilla per quanto riguarda i risultati, sia per tempistiche che per efficacia.

Tecarterapia funziona

 

Quando ricorrere alla Tecarterapia al ginocchio

Le patologie per le quali ricorrere ad una tecarterapia al ginocchio sono molteplici, ma si possono ricondurre a quattro principali: condropatia rotulea, gonoartrosi, lesioni traumatiche ai legamenti e distorsioni.

Condropatia rotulea

Questa patologia interessa il deterioramento dello strato cartilagineo interno della rotula provocato da un movimento improprio della rotula.  Ci si può riferire a questa condizione anche come sindrome femoro-rotulea.

La cartilagine è un tessuto dalle proprietà elastiche e protegge le articolazioni dalle sollecitazioni alle quali sono spesso sottoposte. Nel caso del ginocchio, la cartilagine è interposta tra la parte posteriore della rotula e il femore.

Quando la cartilagine si deteriora, compaiono i sintomi della patologia, ossia dolore localizzato, scricchiolio durante il movimento e possibile gonfiore. Tutti i sintomi si acuiscono con l’uso dell’articolazione.

Gonoartrosi

Comunemente conosciuta come artrosi al ginocchio, la gonoartosi è una patologia degenerativa delle articolazioni. Solitamente è causata da una degenerazione precedente dello strato cartilagineo, che venendo a mancare, non può più assolvere alla sua funzione di “cuscinetto” tra rotula e femore. Per far fronte a questa situazione, il corpo reagisce producendo tessuto osseo in eccesso che nel tempo porterà ad una minore mobilità del ginocchio.

In presenza di gonoartrosi, i sintomi sono dolore all’articolazione, riduzione evidente della mobilità e gonfiore causato dall’edema, ossia l’aumento dei liquidi attorno all’area interessata.

In questi casi la tecar al ginocchio aiuta a drenare i liquidi in eccesso, a rigenerare i tessuti e ad alleviare il dolore.

Lesioni traumatiche ai Legamenti

I legamenti crociati sono preposti al contenimento di movimenti di traslazione anteriore e posteriore, nonché della rotazione. Il ginocchio ospita una rete di legamenti indispensabili per sostenerne e stabilizzarne i movimenti.

Il crociato anteriore è quello maggiormente sottoposto a stress e più a rischio di lesione. Le lesioni possono avvenire per svariati motivi, ma sono molto comuni in chi pratica sport che prevede un uso preponderante delle gambe con una serie di scatti rapidi e discontinui. Esempi tipici sono quelli riguardanti il calcio, la pallavolo, il tennis e la pallacanestro.

Tecar Infortuni ginocchio

Anche in questo caso, i sintomi che accompagnano la patologia sono il dolore all’articolazione, soprattutto in fase di movimento, gonfiore al ginocchio e ridotta mobilità.

La tecarterapia al ginocchio, lavorando in modalità resistiva, consente una rigenerazione più rapida dei tessuti legamentosi. La terapia deve lavorare in maniera sinergica ad un periodo di riabilitazione motoria.

Distorsioni

Con distorsione si intende un movimento oltre il limite fisiologico dell’articolazione, come spesso avviene per le caviglie. Nei casi più gravi può portare a lesioni, mentre si parla di stiramenti quando ci si trova di fronte a distorsioni lievi.

Quando la distorsione colpisce il ginocchio i sintomi che si accusano sono dolore, gonfiore dell’articolazione e instabilità. Possono variare in base alla gravità dell’infortunio ed è bene valutare se è necessario raggiungere il Pronto Soccorso più vicino o no.

In queste situazioni la tecar è fondamentale per recuperare il tono muscolare e ripristinare la consueta mobilità dell’articolazione.

Quante sedute occorrono

Il ciclo di sedute di tecarterapia per trattamenti al ginocchio possono variare in base alla patologia e alla sua gravità.

In linea teorica, il ciclo completo si compone di 10 sedute della durata di 20-30 minuti l’una, in sessioni di 2-3 sedute a settimana. Gli effetti benefici di una tecarterapia al ginocchio si possono valutare già dalle prime applicazioni.

È importante ricordare che nella maggior parte dei casi, la tecar da sola non è sufficiente ed è necessario ricorrere a terapie sinergiche per ottenere i risultati prefissati.

Quanto costano le sedute

I prezzi per una tecarterapia si aggirano tra i 30 e i 50€ e variano in base alle dimensioni dell’area soggetta a trattamento. I risultati conseguibili con una sessione di tecar sono evidenti già con le prime sedute e al completamento del ciclo completo il miglioramento è assicurato.

A chi rivolgersi a Roma Centro

Per un consulto specialistico o se vuoi avere informazioni aggiuntive legate a casi specifici, il team di FisiomediCal è a tua completa disposizione.

Il nostro staff è altamente specializzato ed eterogeneo, pronto a rispondere ad ogni evenienza. Grazie all’azione congiunta di fisioterapisti e chirurghi specializzati è possibile ottenere in tempi ottimali i risultati prefissati.

Lo studio FisiomediCal si trova in zona Flaminio, Via Andrea Sacchi n.35.

Per maggiori informazioni e prenotare il tuo appuntamento puoi chiamare al numero: 0632651337

Convenzioni

Riserviamo ai nostri clienti convenzionati la possibilità di usufruire di sconti e trattamenti gratuiti durante tutto l’anno. Visita la pagina dedicata all’argomento per saperne di più e scoprire se puoi avvalerti delle nostre convenzioni.

Leave a Reply