Chi è e cosa fa l’ortopedico specialista del ginocchio?

By 27 Febbraio 2019Articoli
ortopedico specialista ginocchio

Sei alla ricerca di un ottimo ortopedico specialista del ginocchio a Roma? Non è semplice decidere a chi affidarsi, soprattutto quando si tratta di patologie che possono compromettere la deambulazione o, più in generale, il corretto funzionamento fisico-motorio.

Soprattutto per chi si trova ad affrontare per la prima volta a questo tipo di problema e non sa quindi a chi rivolgersi, è importante trovare un ambiente sicuro e competente che rappresenti una garanzia per il paziente.

Ma perché ci si dovrebbe rivolgere ad un ortopedico specialista del ginocchio?

Il ginocchio è una delle articolazioni più importanti del nostro corpo e senz’altro la più grande che collega il femore alla tibia. Oltre ad essere un’articolazione, il ginocchio si compone anche di una struttura ossea complessa formata  da: il femore, la tibia, la rotula e il perone.

Le articolazioni del ginocchio sono ricoperte dalla cartilagine, un tessuto connettivo di sostegno.

I legamenti sono un altro elemento strutturale del ginocchio fondamentali per la stabilità: legamenti collaterali (mediale e laterale), legamenti crociati (anteriore e posteriore), menisco mediale e menisco laterale, due legamenti che contribuiscono a proteggere il ginocchio da traumi e che si trovano tra tibia e femore.

Tutte queste strutture possono essere soggette a patologie o situazioni traumatiche:

Il ruolo dell’ortopedico specialista del ginocchio è quello di fornire una corretta diagnosi del paziente,suggerire il trattamento e la prevenzione adeguata per tutte le patologie che possono colpire il sistema muscolo-scheletrico che sono a carico di ossa, muscoli, legamenti e tendini.

Quali patologie del ginocchio può curare?

Le patologie del ginocchio possono essere molto eterogenee fra loro e soprattutto possono avere cause differenti. Molti dolori sono causati dall’anzianità, altri dall’eccessivo sforzo fisico o altri ancora, ad esempio, da episodi traumatici circoscritti.

A prescindere dalla causa, il ginocchio è un’articolazione altamente sollecitata in quanto garantisce la corretta deambulazione pur facendosi carico di tutto il peso corporeo.

Per alcune patologie non è necessario l’intervento dell’ortopedico specialista del ginocchio in quanto possono essere guarite e risolte tramite interventi fisioterapici o con il riposo. Per altre invece è necessaria la sua competenza a partire dalla fase di prevenzione.

In sintesi le patologie del ginocchio possono appartenere a due macro-aree:

  • Degenerative
  • Post-Traumatiche

Inoltre le patologie del ginocchio possono riguardare muscoli, articolazioni, ossa o una degenerazione del tessuto cartilagineo. In questa fase è fondamentale la diagnosi dell’ortopedico specialista del ginocchio: spesso i sintomi possono essere molto simili tra loro ma appartenere, invece, ad una natura differente. Quali sono le patologie del ginocchio più comuni che l’ortopedico specialista può curare?

1. Gonartrosi o artrosi al ginocchio

È una delle patologie degenerative più comuni del ginocchio e riguarda l’usura della cartilagine dell’articolazione più grande del nostro corpo. E’ un processo molto frequente che si presenta, di solito, con l’avanzare dell’età. Le cartilagini interessate sono quelle del femore e della tibia.

L’artrosi può anche insorgere in pazienti giovani come conseguenza di traumi o di una postura sbagliata. Questa patologia è decisamente più comune tra le donne e, in generale, nei pazienti in sovrappeso.

Solitamente i sintomi non lasciano molti dubbi nella diagnosi: forte dolore, gonfiore, deambulazione parzialmente compromessa, e limitazione nei movimenti articolari.

2. Lesione cartilaginea

La lesione cartilaginea, più comunemente chiamata condropatia, è caratterizzata da un’erosione ed un’usura della cartilagine che può essere di diversa entità. La conseguenza è una disfunzione dello scorrimento delle due ossa che teoricamente dovrebbe essere facilitato da una cartilagine sana.

I sintomi sono: dolore, gonfiore e difficoltà di movimento.

Per verificare l’entità della lesione, l’ortopedico specialista del ginocchio esegue un esame clinico integrato con la prescrizione di una risonanza magnetica.

Le lesioni cartilaginee, come detto, possono essere di diversa entità e in relazione alla gravità del problema si adotta una cura specifica: nei casi più gravi è privilegiato il trattamento chirurgico.

3. Rottura del legamento crociato anteriore

I pazienti a cui viene più comunemente diagnosticata la rottura del legamento crociato anteriore sono gli sportivi.

La natura di questa lesione è traumatica e circoscrivibile ad un episodio ben specifico, motivo per cui è molto comune negli sport di impatto come il calcio, il basket o lo sci.

Il movimento più frequente che porta alla rottura del legamento crociato anteriore è un movimento involontario di valgo-rotazione-esterna mentre il piede è fisso al suolo. I sintomi sono la sensazione di cedimento del ginocchio, gonfiore, difficoltà nel movimento.

L’ortopedico specialista del ginocchio procede con alcuni test specifici per la diagnosi della rottura del legamento crociato anteriore. Alcuni di questi test sono:

  • Jerk test;
  • Test del cassetto anteriore;
  • Test di Lachman.

Ad ogni modo prima di procedere per un eventuale operazione, l’ortopedico deve avvalersi del responso di un esame specifico: in questo caso alla risonanza magnetica.

4. Sindrome della bandelletta ileo-tibiale

Anche questa patologia è principalmente diffusa tra gli sportivi ed è caratterizzata dall’infiammazione della zona ileotibiale che si trova nella fascia laterale del femore.

Conosciuta anche come “ginocchio del corridore”, questa sindrome è causata sostanzialmente da un sovraccarico caratterizzato da diversi livelli di gravità. Solitamente il problema si risolve con il riposo e successivamente con il rinforzo muscolare che permette la ripartizione degli sforzi e del carico.

5. Rottura del menisco

La rottura del menisco è una delle lesioni più comuni che coinvolge le due strutture fibrocartilaginee che si trovano fra i condili femorali e la tibia: i menischi.

La lesione avviene comunemente durante la combinazione di movimenti atipici di estensione e rotazione che comportano un fitto dolore che può alternarsi anche a casi in cui il male è totalmente sordo e solo episodicamente sintomatico.

La diagnosi è definita dall’ortopedico specialista durante la visita nella quale, tramite la quale vengono stabiliti i parametri di dolore e mobilità parallelamente al controllo degli esami strumentali (RMN O TAC).

Una volta stabilita la diagnosi, lo specialista programma il tipo di riabilitazione o, in base alla gravità, la proposta di un intervento chirurgico.

6. Rottura dei legamenti collaterali

La rottura di questi due legamenti avviene a seguito di un movimento anomalo del ginocchio verso l’interno o verso l’esterno. Alcune attività sportive facilitano la sollecitazione di questi movimenti anomali per cui anche questa patologia è molto più comune tra chi pratica sport.

La lesione provocata può raggiungere 3 livelli di gravità differenti in base ai quali l’ortopedico specialista decide se procedere con la terapia conservativa oppure con l’operazione chirurgica.

Di norma la rottura dei legamenti collaterali avviene in concomitanza con altri infortuni come ad esempio, la rottura dei menischi, e raramente come episodio singolo.

L’esame obiettivo da parte dell’ortopedico specialista del ginocchio è in molti casi sufficiente a delineare una diagnosi ma è comunque spesso consigliato svolgere analisi strumentali.

7. Lesione del legamento crociato posteriore

Diversamente dal crociato anteriore, questo tipo di lesione è meno comune ed è causata da episodi di contatto durante i quali viene esercitata una forza che spinge la tibia a subire una traslazione posteriore del tutto innaturale.

La gravità della lesione può essere di tre tipologie che dipendono dall’entità del trauma. A rendere difficile la diagnosi di questa Lesione è il fatto che non sempre si manifesta ma spesso la sintomatologia rimane subdola.

Per questo motivo è importante combinare diverse indagini tra cui il test del cassetto posteriore da parte dell’ortopedico specialista del ginocchio e la risonanza magnetica.

Tendenzialmente l’ortopedico specialista del ginocchio prescrive una terapia conservativa e solo nei casi più gravi in cui quest’ultima non ha effetti, si pensa ad una soluzione chirurgica.

Quali patologie del ginocchio può aiutare a prevenire?

Prevenire alcune patologie del ginocchio è certamente possibile. Il compito dell’ortopedico specialista in questo caso è consigliare al paziente di applicare dei semplici accorgimenti quotidiani che aiutano la prevenzione, oppure terapie più mirate.

Per quanto riguarda le patologie legate alle articolazioni sono consigliati programmi di terapie fisiche come la ginnastica posturale oppure rinforzo muscolare. Esistono anche delle fasce ortopediche che aiutano a prevenire l’usura delle cartilagini diminuendo il carico articolare durante un particolare sforzo o attività sportiva.

Per prevenire problemi come l’artrosi è sufficiente sollecitare l’articolazione almeno una volta al giorno e tenere sotto controllo il peso corporeo.

Un’altra soluzione sicuramente più invasiva ma efficace a prevenire lesioni degenerative della cartilagine, è il trattamento infiltrativo con Plasma ricco in piastrine.

Come può essere utile nel processo di riabilitazione?

Il processo di riabilitazione a seguito di un infortunio è un momento molto delicato per il recupero della corretta funzione motoria. L’ortopedico specialista del ginocchio ha il compito di indirizzare il paziente verso un percorso riabilitativo adeguato al tipo di lesione o di intervento subito.

In linea generale ciò che l’ortopedico specialista valuta e prescrive è un percorso di riabilitazione motoria delegato a figure quali fisioterapisti o preparatori atletici.

Per quanto riguarda le patologie meniscali, per garantire al paziente la mobilità articolare, si può rimuovere, tramite asportazione chirurgica, una piccola parte del menisco lesionato in modo tale che la sintomatologia non diventi più compromettente.

A prescindere dalla tipologia di trauma, l’ortopedico specialista deve seguire il paziente tutto il processo di riabilitazione al fine di programmare le giuste azioni per una corretta guarigione.

Perché rivolgersi a migliori ortopedici specialisti del ginocchio?

L’errore che spesso si compie è quello di farsi fare diagnosi da persone non specializzate nel settore. Gli ortopedici specialisti del ginocchio sono professionisti che ne hanno studiato a fondo l’anatomia e la funzione.

Sottovalutare le patologie del ginocchio è un grave errore. Non dimentichiamo che il ginocchio è l’articolazione che ci permette di camminare e di svolgere molte funzioni quotidiane. Per questo è importante, nel momento in cui si avverte un problema, scegliere con attenzione la persona a cui rivolgersi.

Dove trovare i migliori ortopedici a Roma?

Se hai bisogno di una visita specialistica di ortopedia fisiatria, sei sulla strada giusta.

Centrofisiomedical è un centro fisioterapico nel cuore del quartiere Flaminio di Roma. Punto di riferimento e valido aiuto per tutte quelle persone che hanno bisogno di essere seguite da uno specialista o che necessitano di svolgere un percorso riabilitativo e fisioterapico.

È una struttura moderna che si serve di apparecchiature di ultima generazione e di medici specialisti, in una ambiente totalmente privo di barriere architettoniche, dotato inoltre di una palestra di circa 60mq.

Visita il nostro sito per avere ulteriori informazioni!

Leave a Reply