Onde d’urto fascite plantari: cosa sono

By 30 Gennaio 2020Articoli, news
fascite plantari

La fascia plantare, o legamento arcuato, è un tessuto connettivo fibroso che, partendo dal calcagno, si inserisce in tutte le falangi prossimali.

Circonda e sorregge la parte longitudinale interna del piede, e la sua infiammazione da origine a quella che viene chiamata fascite plantare, la quale, può avvenire per microtraumi ripetuti o per sovraccarico funzionale.

La terapia ad onde d’urto è considerata il trattamento più efficace per eliminare il disturbo.

Essa si basa sull’utilizzo di onde ad elevata energia acustica che vengono trasmesse e diffuse attraverso la superficie del corpo nell’organismo in senso radiale.

A cosa servono

La terapia con le onde d’urto ha lo scopo di migliorare la sintomatologia legata agli effetti della fascite plantare per evitare che essa sfoci nella sua fase cronica.

Quando le onde d’urto, infatti, entrano in contatto con i tessuti, esse aumentano la vascolarizzazione e favoriscono cambiamenti biologici all’interno delle cellule riattivandole e rigenerandole.

Si tratta di un trattamento non invasivo e particolarmente efficace, soprattutto se viene abbinato a terapie manuali, esercizi terapeutici e stretching.

fisioterapia fascite

Quando farle

Per diagnosticare questa patologia sono necessari specifici esami strumentali quali l’ecografia o la Risonanza Magnetica.

In linea di massima, quando si inizia a provare dolore appoggiando il peso corporeo o durante il movimento di flessione del piede, piuttosto che sollevandone la punta, potremmo essere in presenza di fascite plantare.

Il dolore si concentra nella regione calcaneare mediale, ma nei casi di fascite plantare cronica può spingersi fino alle dita del piede.

La conseguenza più diretta e visibile della patologia si concretizza in un appoggio del piede squilibrato che a sua volta può portare ad una postura non corretta e ciò può sfociare in lombalgie o cervicalgie.

Sono dolorose?

Le onde d’urto fanno parte di quei trattamenti che, durante la terapia, possono far provare un leggero dolore al paziente nella parte interessata.

Tale dolore inizia però a scemare durante la terapia stessa e ciò è dovuto ad un abbattimento della soglia prodotto grazie all’effetto antalgico-sedativo del trattamento stesso.

Quanto durano

La durata delle sedute dipende dalla natura e dalla gravità della problematica riscontrata nel paziente.

Il tempo di un trattamento si aggira in media intorno ai 10 minuti, tempistica che può aumentare anche per favorire l’abbattimento della soglia del dolore del paziente.

Prenota una terapia a onde d’urto

Controindicazioni

La terapia ad onde d’urto per la cura della fascite plantare risulta essere sicura e priva di effetti collaterali.

Ci sono però alcune situazioni in cui è sconsigliato sottoporsi alla terapia:

  • durante la gravidanza
  • quando l’età dei pazienti è inferiore ai 18 anni
  • quando i pazienti sono affetti da difetti della coagulazione piuttosto che presentano tumori locali o infezioni
  • quando ci sono elettrostimolatori o pacemaker installati

Dove trovare un centro d’eccellenza per le onde d’urto per le fascite plantari a Roma

Se cerchi un centro specializzato dove poterti sottoporre a delle sedute di onde d’urto per la cura delle spine calcaneari e/o fasciti plantari, Fisiomedical è la soluzione che fa per te.

Il centro medico mette a disposizione del paziente un team di medici altamente qualificati e apparecchiature moderne di ultima generazione.

Leave a Reply