Cos’è il gastrocnemio e a cosa serve

By 21 Dicembre 2020Articoli, news
dolore al gastrocnemio

Noto anche col nome “gemelli”, il muscolo gastrocnemio si colloca nella parte posteriore più superficiale della gamba. Il nome gemelli è dovuto al fatto che il gastrocnemio è formato da due ventri muscolari.

Questo muscolo è fondamentale perché, insieme al muscolo soleo, forma il tendine calcaneare, ovvero la parte comunemente chiamata “tendine d’Achille”.

Ancora, con un buon funzionamento del muscolo gastrocnemio riusciamo ad elevare il tallone, grazie ad una contrazione del muscolo, e quindi a flettere il piede e la gamba.

 

Dolore al gastrocnemio: sintomi

Il dolore al gastrocnemio viene solitamente avvertito come un fastidioso dolore al polpaccio, di intensità variabile. Inoltre, alla sensazione di dolore possono unirsi altri sintomi, tra i quali:

  • Il gonfiore diffuso nella zona del polpaccio;
  • La temperatura della pelle fredda;
  • La sensazione di formicolio che può estendersi dal ginocchio al piede;
  • La perdita di forza nel muscolo;
  • Un arrossamento della zona interessata.

 

Possibili cause: eziologia

Le possibili cause del dolore al gastrocnemio sono diverse e possono essere di diversa natura:

  • Cause accidentali: insorgono con un trauma, spesso durante la pratica di attività fisica, e possono essere dovute ad uno strappo muscolare, ad una contrattura o a uno stiramento del muscolo;
  • Cause organiche: si verificano per mancanza di potassio o per problemi circolatori e possono essere anche gravi come, per esempio, un trombo, ovvero un grumo di sangue che non permette il necessario afflusso di sangue.

 

Diagnosi

La corretta diagnosi per il dolore al gastrocnemio può essere effettuata solamente da uno specialista del campo, il quale generalmente procede effettuando, prima di tutto, un esame di palpazione che può essere seguito:

  • Da un’ecografia per capire da cosa origina il dolore;
  • Da un ecodoppler che si effettua, però, solo se ritenuto necessario. Questo esame tramite gli ultrasuoni verifica lo stato del sistema circolatorio.

 

Trattamento

trattamento del dolore al gastrocnemio

Il trattamento del dolore al gastrocnemio varia, ovviamente, a seconda di quale sia la diagnosi effettuata. Inoltre, così come la diagnosi, anche il trattamento più opportuno ed efficace può essere stabilito unicamente da un medico.

In ogni caso, alcuni dei comportamenti da mettere in pratica sono:

  • Applicare del ghiaccio sulla zona in cui si sente dolore, il freddo aiuterà a ridurre la sensazione dolorosa e l’eventuale gonfiore;
  • Stare a riposo, non sforzare, quindi, ulteriormente la gamba per non rischiare di peggiorare il dolore già presente;
  • Sollevare la gamba può essere utile per alleviare il dolore e defaticare il muscolo;
  • Fare dei dolci esercizi di stretching che possano allentare la tensione e sciogliere il muscolo.

 

In linea generale, inoltre, se si tratta di uno strappo muscolare o di una contrattura, per risolvere il problema è particolarmente indicata la fisioterapia e, più nel dettaglio, per ottenere degli ottimi risultati e per portare il paziente ad un totale recupero delle funzioni colpite da eventi traumatici è bene combinare la terapia manuale con la terapia fisica.

 

Inoltre, tra le terapie fisiche utili per trattare il dolore al gastrocnemio è particolarmente indicata:

  • La tecarterapia: una terapia endogena che si basa su un dispositivo che genera un aumento della temperatura.

 

Spesso, per alleviare il dolore durante il periodo del trattamento, vengono utilizzati anche i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Hai bisogno di ulteriori informazioni?

 

Prevenzione

I comportamenti da mettere in pratica per prevenire il dolore al gastrocnemio sono di diverso genere:

  • Eseguire stretching regolarmente, così da mantenere i muscoli rilassati;
  • Idratarsi è fondamentale per non incorrere in problemi muscolari;
  • Assumere le quantità necessarie di magnesio e potassio per non far indebolire i muscoli.

 

A chi rivolgersi

Quando il dolore al gastrocnemio compare e dopo un paio di giorni ancora non è passato, per trattarlo è fondamentale rivolgersi ad uno specialista che conosca perfettamente l’anatomia umana e che abbia delle ottime conoscenze fisioterapiche, due elementi imprescindibili per una buona riuscita del trattamento e una guarigione totale.

 

Come anticipato, infatti, rivolgendosi ad medico fisioterapista è possibile combinare la terapia manuale e la terapia fisica per ottenere degli ottimi risultati e far passare il dolore al gastrocnemio.

Contatta i nostri esperti

 

Dove trovare un centro d’eccellenza a Roma

FisiomediCal è un centro fisioterapico d’eccellenza che, grazie alle competenze di un’équipe medica formata da specialisti del settore e all’impiego delle migliori tecnologie attualmente sul mercato, riesce a perseguire ottimi risultati in tempi brevi.

Tutto ciò fa dello Studio FisiomediCal uno dei migliori punti di riferimento in questo ambito.

Si trova a Roma Nord, in via Andrea Sacchi, 35.

Per fissare una visita o avere maggiori informazioni sui servizi, i trattamenti e le convenzioni, chiamare il numero 06 32651337 o visitare la pagina dei contatti.

Leave a Reply