Artrosi del pollice (rizoartrosi) cos’è?

By 14 Ottobre 2019Articoli
artrosi del pollice Roma

Con il termine artrosi del pollice o rizoartrosi (dal greco “rizos”, radice) si indica la localizzazione della malattia artrosica nell’articolazione basale del pollice (articolazione tra il trapezio e la base I metacarpale).

È dunque una forma di osteoartrosi che colpisce la base del pollice, consumando l’articolazione.

L’ artrosi del pollice è una condizione invalidante, perché spesso è bilaterale e rende l’uso del pollice doloroso e limitato; questo dito è l’organo principe della funzione di pinza e di presa della mano. I pazienti affetti da rizoartrosi si vedono limitati nei gesti quotidiani, quali lo scrivere, sollevare un piatto o un libro, girare una chiave, stirare, guidare, etc.

Scopri la promozione di questo mese

Chi sono i soggetti maggiormente colpiti

L’artrosi del pollice si manifesta molto frequentemente dopo i 50 anni, ma è misconosciuta o sottostimata, perché essendo appannaggio della terza età, viene spesso banalizzata,  e considerata come una condizione legata all’invecchiamento. Nella donna questa malattia può rendersi evidente soprattutto con la menopausa.

Cause dell’artrosi del pollice

Generalmente si tende ad attribuire le cause di questa malattia alla generica malattia artrosica quando in realtà è importante ricercarle in una lassità, congenita o secondaria, della capsula articolare del trapezio e del primo metacarpo.

La maggiore elasticità capsulare di questa articolazione è responsabile di uno scivolamento alla base del metacarpo che comporta un’azione continua e costante di usura delle superfici dell’articolazione.

Come altre patologie degenerative correlate alle articolazioni anche l’artrosi del pollice ha tra le sue cause:

  • L’esposizione all’umidità;
  • Lo stress delle articolazioni;
  • Traumi delle articolazioni;
  • Cartilagine usurato da movimenti ripetitivi;
  • Ereditarietà genetica;

Sintomi dell’artrosi del pollice

L’insorgenza dei sintomi, così come la progressione della malattia, è molto lenta e procede per gradi. Il primo sintomo sperimentato, generalmente, è un dolore vago e modesto alla base del pollice, una debolezza dei movimenti del pollice e difficoltà ad eseguire le abituali azioni quotidiane come sollevare un piatto, girare una chiave, guidare, scrivere, stirare.

Ciò che caratterizza la sensazione dolorosa è che compare anche durante le ore notturne quando il pollice è a riposo. Con il passare del tempo, alla base del pollice compare una tumefazione che gradatamente si rende più evidente, dovuta al progressivo scivolamento laterale della base del primo metacarpo che viene a perdere il suo rapporto con il trapezio fino alla sua completa lussazione.

I sintomi si possono intensificare con il passare del tempo ed in concomitanza con altre patologie come ad esempio il tunnel carpale. Oltre al dolore ed alla deformazione ossea i pazienti possono sperimentare anche una limitazione nei movimenti, dovuti alla degenerazione della cartilagine nell’articolazione, che rende impossibili compiere alcuni movimenti della mano, del gonfiore ed una riduzione della forza, che tende ad aggravarsi con il progredire dell’artrosi del pollice.

Diagnosi dell’artrosi del pollice

È possibile eseguire la diagnosi di artrosi al pollice, e capirne il livello di progressione, mediante l’esecuzione di una normale radiografia alla mano.

Trattamento

È importante sottolineare che non esiste una terapia in grado di curare definitivamente l’artrosi del pollice, tuttavia esistono dei trattamenti in grado di alleviare la sintomatologia e migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da questa patologia e di rendere meno dolorose le azioni quotidiane.

Fisioterapia

La fisioterapia è il trattamento d’eccellenza per il trattamento dell’infiammazione causato dell’artrosi del pollice mediate l’attuazione di alcune terapie fisiche e terapie manuali:

  • Tecarterapia: Questa terapia risulta essere molto adatta per il trattamento di questa patologia. Grazie al calore infatti si stimola la circolazione nella zona infiammata riducendo il dolore.
  • Laserterapia: è trattamento maggiormente usato per la terapia dell’artrosi del pollice in quanto l’energia generata dalla fonte luminosa è in grado di creare una risposta biochimica della zona interessata. La laserterapia aumenta il flusso ematico ed ha un’azione decontratturante per mezzo del calore.
  • Kinesiotaping: questa terapia manuale ha una funzione decongestionante che permette di ridurre l’edema dell’articolazione interessata riducendo il sovraccarico sul dito.
  • Crioultrasuoni: sono molto efficaci per il trattamento dell’artrosi del pollice. La loro azione prevede l’utilizzo degli ultrasuoni, con effetti antinfiammatori, uniti alla crioterapia, che ha un effetto analgesico grazie all’applicazione del freddo.

Tutore è utile?

Se la diagnosi è stata effettuata in modo repentino è possibile avvalersi dell’uso di un tutore (uno per il giorno ed uno per la notte) che permette di ridurre i sintomi e alleviare i sintomi causati dall’artrosi al pollice.

Generalmente i tutori sono realizzati in materiale plastico, termo-modellabile che permette di ristabilire l’equilibrio originale del pollice, di ridurre il dolore e di recuperare una funzione di pinza e di presa. Si tratta di un tutore “ergonomico”, cioè che favorisce e migliora la funzione del pollice.

Il trattamento chirurgico

Nel caso in cui l’artrosi del pollice fosse in stato avanzato l’intervento chirurgico è l’unica soluzione possibile da attuare. La moderna chirurgia della mano, che si avvale di tecniche sempre più precise e meno invasive, permette di sanare con un intervento rapido e brillante la rizoartrosi.

Questa tipologia di operazione rientra in quelle che vengono comunemente definite come artroplastica in sospensione. L’operazione prevede l’asportazione del trapezio malato e la sua sostituzione con un tendine prelevato dal paziente stesso (autotrapianto) che agisce come cardine per la stabilizzazione del primo metacarpo.

Dopo aver effettuato un intervento di artroplastica in sospensione sarà necessario indossare un tutore per circa due mesi ed effettuare delle sedute di fisioterapia in modo da acquisire di nuovo una maggiore mobilità e funzionalità del dito e della mano.

Scopri la promozione di questo mese

Dove trovare un centro d’eccellenza per il trattamento dell’artrosi al pollice a Roma Flaminio

Se si sperimenta un dolore localizzato alla base del pollice è importante rivolgersi ad un medico ortopedico specializzato che sappia indicare quale sia il percorso migliore per una diagnosi dell’artrosi del dito ed un eventuale percorso da intraprendere.

Il centro Fisiomedical, situato nel cuore del quartiere Flaminio, dispone di una grande equipe di medici e di fisioterapisti che collaborano in stretta sinergia al fine di garantire una presa in carico completa dal paziente: dalla diagnosi fino alla remissione completa.

Il centro Fisiomedical si trova in Via Andrea Sacchi, 35 a Roma. Puoi prenotare una visita con uno specialista telefonando il Numero Verde 800.096690 .

Leave a Reply